“Istruitevi perché abbiamo bisogno di tutta la nostra intelligenza.

Agitatevi perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo.

Organizzatevi perché avremo bisogno di tutta la nostra forza

 

                                                                                    Antonio Gramsci

rivista on line

Connessioni

Ricostruire: Il Partito Comunista - Il Sindacato di Classe - I Consigli di Fabbrica § Ricostruire: Il Partito Comunista - Il Sindacato di Classe - I Consigli di Fabbrica § Ricostruire: Il Partito Comunista - Il Sindacato di Classe - I Consigli di Fabbrica § Ricostruire: Il Partito Comunista - Il Sindacato di Classe - I Consigli di Fabbrica § Ricostruire: Il Partito Comunista - Il Sindacato di Classe - I Consigli di Fabbrica §
Casella di testo: Per leggere la rivista che è n formato PDF hai bisogno del programma Acrobat Reader.
Se non lo hai installato puoi scaricare la versione aggiornata premendo questo pulsante.
Casella di testo: Ultimo numero di Gramsci oggi Giugno 2020

Gramsci oggi

Antonio

Rivista di politica e di cultura della sinistra di classe

Casella di testo: ALCUNE CONSIDERAZIONI SULL'EPIDEMIA,
LA SANITÀ LOMBARDA E LA CINA.

di Vladimiro Merlin 

Per prima cosa sull'epidemia, molto si è detto e scritto sulle colpe dei cinesi, Trump lo ha chiamato il virus cinese, qualcuno ha detto che è stato generato dal fatto che i cinesi mangiano “i topi vivi” ecc., ma questo virus non solo appartiene al ceppo dei virus influenzali, ma ha molti aspetti di similitudine con quello che causò, tra il 1917 ed il 1920, la pandemia chiamata “spagnola”, che causò tra i 50 ed i 100 milioni di morti nel mondo.
Quella pandemia partì dagli Stati Uniti, qualcuno ipotizza da alcuni paesi europei, non la Spagna. Fu chiamata spagnola, perchè la Spagna, paese non belligerante nella prima guerra mondiale, fu la prima a denunciare la malattia, gli altri paesi europei, e gli Stati Uniti, impegnati nella guerra, nascondevano e tacevano la presenza della malattia (sicuramente negli Usa i primi casi risalgono al 1917).
Da molti anni scienziati ed OMS hanno denunciato la possibilità che si potesse ripresentare una pandemia, in particolare legata ad una mutazione dei virus del ceppo influenzale, e hanno sollecitato gli stati a predisporsi ad affrontarla.
In una recente simulazione dell'OMS si ipotizzava che l'epidemia potesse partire da un paese del Sud America.
Questo per chiarire che i virus circolano nel mondo, mutano, e le epidemie possono partire da ogni luogo, senza che, per questo, il popolo di quel paese possa essere “incolpato” della malattia.
Ma una volta che le epidemie scoppiano è responsabilità di ogni paese attivare tutte le misure per affrontare e circoscrivere la malattia, sia per tutelare la propria popolazione che per evitare il diffondersi della malattia.
È quello che accade nelle comunità con i singoli malati, il rispetto delle misure da attuare non solo tutela i singoli, ma evita di rendersi responsabili della malattia e della morte di altri, cosa che, come abbiamo visto, anche nel nostro paese, spesso, non si è verificata, anche questo è il prodotto dell'individualismo sfrenato che permea la cultura dominante del capitalismo attuale.
Ma, molto di più dei comportamenti individuali, conta l'azione delle istituzioni che regolano la vita ed, in questo caso, del sistema sanitario che dovrebbe avere lo scopo di garantire la salute dei cittadini o,